Per scaricare la versione stampabile clicca qui
Informazioni  |   Chi siamo  |   Amici e sostenitori di dueparole  |   Scrivici
 Le parole sono fatte, prima che per essere dette, per essere capite:
 proprio per questo, diceva un filosofo,
 gli dei ci hanno dato una lingua e due orecchie.
 Chi non si fa capire viola la libertà di parola dei suoi ascoltatori.
 È un maleducato, se parla in privato e da privato.
 È qualcosa di peggio se è un giornalista, un insegnante,
 un dipendente pubblico, un eletto dal popolo.
 Chi è al servizio di un pubblico
 ha il dovere costituzionale di farsi capire.
                        

Parlar Chiaro © Copyright 2002 - Tutti i diritti riservati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 570/2002 del 15/10/2002

Realizzazione e amministrazione del sito a cura di Paolo Sacco

Leggi il giornale